Il Caffè fa Bene o Male alla Prostata? [Testato]

caffè e prostata

Posso bere caffè se ho la prostatite o è meglio un rimedio naturale come il Prostraticum?
Caffè e disturbi alla prostata vanno d’accordo?

È un abbinamento possibile o da evitare a tutti i costi per scongiurare un peggioramento dei sintomi?


Tra le prime azioni che accompagnano il risveglio della maggior parte degli italiani c’è quella di prepararsi un buon caffè.

Energizzante e gustoso, fa parte della nostra tradizione non meno della pizza o degli spaghetti.

Questa bevanda tanto amata da tutti noi non è solo gustosa, ma fa anche bene.

La scienza infatti ci dice che l’assunzione di caffè influenza in modo significativo i valori di glucosio nel sangue e la conseguente produzione di insulina, limitando i rischi di sviluppare il diabete di tipo 2 ; non solo, la nostra adorata bevanda agisce anche sulla funzionalità degli ormoni sessuali, agendo da tonico, soprattutto per gli uomini, in quanto aumenta la concentrazione di SHBG, la proteina legante di questi ormoni.

Le cose si complicano però per quanti di noi accusano qualche problemino di prostata.

Caffè sì o caffè no?

Devo cambiare del tutto le mie abitudini e rinunciare ai miei caffè quotidiani o posso continuare a berne quanti ne voglio?

Vediamo cosa ci consigliano gli esperti.

curcuma

Effetti (positive e negativi) dell’assunzione di caffè sulla prostata


La prima buona notizia ci viene da una ricerca del 2017 del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e l’I.R.C.C.S. Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma, che ha dimostrato come l’assunzione di una tazzina di caffè, per almeno tre volte al giorno, incida favorevolmente nell’abbassare il rischio di tumore alla prostata, diminuendo la probabilità della sua insorgenza del 60%; questo risultato sarebbe conseguenza dell’assunzione dei sali minerali e degli antiossidanti contenuti nella bevanda, che influiscono positivamente sul metabolismo .

I disturbi alla prostata però non sono solo di tipo canceroso.

Vediamo come comportarci in caso di irritazioni o infezioni: in questi casi gli urologi sono concorsi nel consigliare un’alimentazione che limiti l’assunzione di tutti quei cibi e quelle bevande che potrebbero irritare l’apparato urogenitale, come cioccolata, crostacei, e purtroppo anche il nostro amato caffè.

La tioxantina contenuta nel caffè infatti, causa un peggioramento dei sintomi da prostatite e stimola un aumento di produzione dell’urina, peggiorando i problemi di incontinenza e costringendoci continuamente ad andare in bagno.

Va però specificato che i dati delle ricerche sottolineano che l’assunzione di caffè non causa irritazioni in caso di prostata sana, si limita a peggiorare l’infiammazione se il problema è già presente.

Non è necessario eliminare del tutto il caffè dalla nostra dieta, ma sarebbe opportuno ridurne l’assunzione in maniera graduale, sostituendolo con altre bevande toniche ma non irritanti, come ad esempio il tè verde e i tè rooibos, che contengono sostanze antiossidanti che aiutano a lenire e rigenerare i tessuti.

Combattere la prostatite con l’integratore naturale più venduto in Italia



Se nonostante le nostre attenzioni per mantenere una dieta salutare i nostri disturbi continuano a renderci la vita impossibile, possiamo intervenire in modo efficace assumendo un integratore alimentare specifico.

Dalla nostra esperienza e da quella dei tanti lettori che scrivono alla nostra redazione, il più efficace tra i prodotti naturali in commercio è Prostatricum.

Alla base di questo straordinario integratore ci sono quattro ingredienti vegetali: Sereona Repens, Tribulus Terrestris, Cloruro di Magnesio e Epilobium Parviflorum.

Questi componenti intervengono non solo sui sintomi, ma anche sulle cause della prostatite, migliorando il nostro benessere generale.

Su ogni confezione di Prostatricum è indicata con precisione la posologia consigliata e la modalità di assunzione.

Si consiglia di prendere insieme due compresse prima dei pasti principali con un abbondante bicchiere d’acqua.

Prostaticum è distribuito attraverso canali di vendita diretta:

tv e web, ma molti rivenditori lo propongono a prezzi molto alti; dopo aver fatto un’accurata ricerca, siamo riusciti a comprare questo eccellente rimedio per la prostatite ad un costo contenuto andando sul sito internet ufficiale (cliccate qui in basso), che propone l’originale Prostaticum al prezzo più basso in circolazione.Rimedio Naturale per la Prostatite a Prezzo Basso

Un Rimedio Naturale per la Prostatite capace di far dialogare prezzo e qualità


Fra i rimedi per la prostatite il Prostaticum è, a parere di molti dei nostri amici e lettori, fra i migliori.

Purtroppo puoi avere qualche difficoltà a reperirlo e i pochi siti che lo vendono non esitano ad alzare i costi.

Anch’io ho cercato a lungo sul web, ma ora sono in grado di consigliarti questo sito, dove puoi trovare il prodotto al costo più basso disponibile in rete:

una bottiglia di Prostaticum

Giuliano Fresoni

Dopo estenuanti ricerche sull’argomento prostata, penso di avere un’idea chiara in merito a cosa funziona e cosa non funziona per risolvere i problemi associati – in questo sito web il mio obbiettivo è quello di condividere informazioni utili, esperienza ed opinioni per aiutare gli uomini in difficoltà.

Torna alla homepage di soluzione-prostatite.eu