Urorec Migliora l’Erezione?

La silodosina (Urorec, Silodyx) appartiene alla classe degli alfa-bloccanti ed è comunemente usata per trattare l’iperplasia prostatica benigna (IPB).

Agisce rilassando le fibre muscolari lisce situate nel collo della vescica e nella capsula prostatica, consentendo alla vescica di svuotarsi più facilmente durante la minzione.

Il suo effetto alfa-litico era simile a quello di tamsulosina, alfuzosina e terazosina quando utilizzato in un regime di dosaggio simile in pazienti con adenomi prostatici.

Lo svantaggio della silodosina rispetto ad altri beta-bloccanti è che provoca un aumento dei volumi eiaculatori e aumenta i tempi di eiaculazione.

Raramente, il farmaco può causare il fallimento completo dell’eiaculazione (“aneiaculazione”).

Urorec influisce sull’eiaculazione in che modo?


Parte di questi effetti sono causati dal tono più basso della capsula prostatica e del muscolo dello sfintere uretrale durante l’eiaculazione: ciò significa che parte del liquido seminale finisce nella vescica anziché essere espulso attraverso l’uretra anteriore.

Uno studio recente ha dimostrato che anche i globuli bianchi, le vescicole e le fiale deferenziali (i punti in cui si trova la stragrande maggioranza del liquido seminale prima dell’eiaculazione) contengono moltissimi recettori alfa-adrenergici.

Pertanto, i farmaci alfa-litici ritarderebbero l’orgasmo e diminuirebbero la secrezione di liquido seminale inibendo le contrazioni muscolari in queste strutture.

I pazienti trattati con alfa-bloccanti sperimenterebbero problemi di eiaculazione oltre all’eiaculazione retrograda, forse anche fino a uno stato di “aneiaculazione”.

La silodosina può avere maggiori probabilità di dimostrare questi fenomeni rispetto ad altri farmaci della stessa categoria per il fatto che si lega più saldamente a questi recettori che si trovano nelle vescicole seminali e nelle fiale deferenziali.

La silodosina si lega anche ai recettori della dopamina D2 nel sistema nervoso centrale e agisce direttamente su questi recettori, che potrebbero essere coinvolti nel metodo con cui viene attivata l’eiaculazione.

Eiaculazione precoce

La stimolazione selettiva dell’eiaculazione da parte di Silodosina negli uomini con problemi alla prostata è considerata un effetto collaterale che deve essere evitato. Recentemente, ci sono state segnalazioni che la silodosina è stata utilizzata con successo nel trattamento dell’eiaculazione precoce, un disturbo estremamente diffuso. Abbiamo discusso il trattamento in modo molto dettagliato in un precedente articolo.

L’eiaculazione precoce può essere trattata in vari modi: terapie comportamentali, psicoterapia, prodotti topici ad azione desensibilizzante o veri e propri farmaci sistemici.

Sebbene questi trattamenti siano tutti capaci di un certo grado di efficacia, nessuno di essi si è dimostrato del tutto soddisfacente. Anche la dapoxetina (Priligy), un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina, non si è dimostrata pienamente efficace in tutti i soggetti.
Per ottenere una maggiore efficacia, gli esperimenti con nuovi farmaci sono vitali e la silodosina ha il potenziale per essere una delle migliori.

Sicurezza ed efficacia:

La silodosina è stata utilizzata sia continuamente alla dose di 8 mg al giorno, sia alla dose di 4 mg da assumere “al bisogno” per il trattamento di pazienti affetti da eiaculazione precoce primaria (o “longeva”).

La silodosina ha determinato un buon effetto sul tempo di latenza eiaculatoria intravaginale (IELT) e alcuni questionari soggettivi, come il PEDT. Anche la durata della penetrazione e del tempo di eiaculazione è stata estesa di circa 3 volte.

Il farmaco non ha avuto effetti collaterali significativi. Tuttavia, p. Rudent non sembra raccomandare la silodosina a coloro che hanno problemi di pressione sanguigna bassa. Diversi pazienti hanno riportato effetti negativi sull’eiaculazione stessa, incluso un volume ridotto di liquido seminale e, in alcuni casi, aneiaculazione completa. Tuttavia, questi fenomeni non hanno influenzato in modo significativo la soddisfazione sessuale complessiva misurata dal questionario.

La silodosina è stata proposta anche per il trattamento dell’eiaculazione precoce in combinazione con dapoxetina (Priligy) e tadalafil (Cialis). Nonostante il suo uso ufficiale come terapia per la disfunzione erettile, anche il tadalafil può essere rilevante per quest’area terapeutica. La combinazione di dapoxetina, silodosina e tadalafil è risultata più efficace della monoterapia dapoxetina in pazienti con problemi di eiaculazione precoce.

Osservazioni:


Il potenziale di Urorec per il trattamento dell’eiaculazione precoce primaria in futuro, sia in combinazione con altri farmaci, è già stato dimostrato dai risultati preliminari. Finora sono state valutate il suo profilo di sicurezza e la sua efficacia.

Torna alla homepage